B&B La Residenza dello Scoiattolo 

Via San Pietro 21, 28871 Bannio Anzino Pontegrande (Verbano-Cusio-Ossola, Piemonte)   Tipologia: B&B    Pagina visitata 3572 volte dal 11.01.2010

Tipo di Vacanza:

 Animali domestici e animali di piccola taglia (cane, gatto, etc.) sono ammessi.
 L'albergo è situato nelle vicinanze delle piste da sci e località sci.
 L'albergo è situato nelle vicinanze di montagne e colline.

A partire da: 30 €

Posizione:

Recensioni: B&B La Residenza dello Scoiattolo

In attesa di recensioni su B&B La Residenza dello Scoiattolo! Conosci B&B La Residenza dello Scoiattolo? Condividi la tua esperienza!

Struttura: B&B La Residenza dello Scoiattolo

La Residenza dello Scoiattolo è situata a metà della Valle Anzasca, a poco più di 10 km da Macugnaga, la zona del Monte Rosa, un posto adatto agli appassionati dello sci in inverno ed agli escursionisti o semplicemente agli amanti della natura in estate.

La posizione isolata della casa, ma, allo stesso tempo vicina al paese, crea un fascino particolare a cui si aggiunge il calore e la disponibilità di chi accoglie.

    Alloggi:

    Si tratta di una casa singola a 2 piani, la cui facciata è avvolta da un grande glicine. Il primo piano è interamente dedicato al Bed & Breakfast e si compone di 2 camere da letto, 1 doppia con ampia terrazza e vista sul Monte Rosa ed 1 singola. Vi sono inoltre una zona di passaggio, un bagno a disposizione ed una seconda terrazza-solarium.

    Al piano terra si trova la sala per la colazione con camino, cucina ed il secondo bagno con doccia, da condividere con i proprietari.

    La casa è interamente rivestita in legno grezzo non trattato per scelta 'biologica' dei proprietari. Il legno ricopre interamente le pareti, i pavimenti ed il soffitto con travi a vista.

      Servizi:

      Prima colazione continentale, collegamento internet Wifi gratuito. zona bed & Breakfast dotata di Microonde e frigorifero. Ampie possibilità di parcheggio gratuito. Giardino e terrazze con gazebi a disposizione. Si accettano animali

        Zona:

        la Valle Anzasca si colloca alle pendici della parete est dello splendido Massiccio del Monte Rosa, la più vasta delle alpi per sviluppo in larghezza ed altezza, quasi un'immensa cattedrale di ghiaccio e di roccia, che spinge le sue vette fino a metri di altezza. Zona caratteristica per passeggiate, escursioni e scalate e di sport invernali, come lo sci alpino e di fondo soprattutto, ma anche il pattinaggio su ghiaccio, oltre a sport meno tradizionali come il parapendio e l'eliski.

        Caratteristica della zona è la comunità Walser, depositaria di una cultura e di una lingua antica, di matrice germanica, ancora oggi conservata e coltivata dagli abitanti del luogo con grande cura e affetto.

        Degne di particolare attenzione, sono il tiglio plurisecolare, ricco di significato per la tradizione popolare, vecchio di oltre 7 secoli e situato a Staffa e la Miniera d'Oro della Guia, situata a Borca (fraz. di Macugnaga). Sebbene oggi la miniera non sia più attiva, è stata la più grande miniera d'oro d'Italia, ed è visitabile, con percorso guidato, interessante dal punto di vista paesaggistico e mineralogico ed inoltre la Chiesa vecchia, costruita verso la metà del XIV° secolo ed il vicino cimitero che raccoglie la storia delle vittime che le scalate al monte Rosa hanno provocato nel corso degli anni.

        In alcuni periodi soprattutto in agosto, in 2 località della Valle Anzasca, Bannio e Calasca, è possibile ammirare le parate delle milizie tradizionali, fondate agli inizi del XVII° secolo e concerti bandistici, che mostrano, oltre alla versatilità degli abitanti in varie attività musicali e folcloristiche.

        •  Montagna